page loader

Blog

Copertura si, copertura no. Il solito tifo da stadio

febbraio 8, 2017
| |
Share:

Operazione propaganda o meno non mi interessa. C’è un Ministero dei Beni Culturali e una Sovrintendenza che faranno il loro lavoro sull’opportunità tecnica, estetica economica di questo progetto, di cui probabilmente non se ne farà nulla.

Il punto secondo me è un altro. Dopo anni in cui abbiamo criticato la veronesità, imprenditoriale, associativa, di farsi gli affari propri e di non pensare allo sviluppo della città, credo che la disponibilità dell’industria di investire sul patrimonio storico sia da cogliere. Punto.

Ma diamo in mano Verona ai privati? Figuriamoci. Vanno coinvolti e questa è un’occasione per pianificare il loro ruolo. Serve un tavolo perenne dove studiare dove deve investire Verona per produrre ricchezza duratura e sostenibile e su quella direzione il privato che ama la sua città deve essere invitato ad investire. E l’Arena, per la terra veronese, è indiscutibilmente una delle nostre principali risorgive.

Non possiamo permetterci di girarci dall’altra parte quando il privato guarda alla città. E non deve il privato agire al di fuori di un disegno comune che abbia chiaro dove vogliamo andare, dove dobbiamo puntare. Evitiamo inutili barricate. Non tagliamoci le gambe da soli.

Posted in: Idee per Verona, News, Video
No comments
Leave Comment