page loader

Blog

Destinazione Verona

maggio 20, 2017
| |
Share:

Rilanciare Verona Turismo non è solo possibile, ma necessario. Abbiamo creato una società per la riscossione dei tributi e non siamo stati capaci di creare un Agenzia che sviluppi l’economia turistica, Incredibile in un territorio pieno di storia, arte, cucina e paesaggio.

Prima cosa, unire gli operatori locali, che oltre a competere devono pensare a cooperare, penso a hotel e locazione alternativa. L’ecosistema non può essere competitivo nel mercato turistico attuale se è costituito da soggetti che operano disgregati. Lo dimostra il fatto che l’incoming, è quasi totalmente in mani di altri: le compagnie aeree low cost in primis, la locazione on-line con airbnb e booking, che dettano il prezzo e impongono le condizioni.

Dopo aver aggregato l’offerta dobbiamo coinvolgere il pubblico con una comunicazione online e offline univoca, ufficiale, coordinata e soprattutto mirata a dei target ben definiti. Si è passati da “turisti” a “viaggiatori super connessi” che hanno caratteristiche molto diverse. Oggi dobbiamo puntare a chi inizia la sua esperienza dal digitale come parte integrante del viaggio, quindi il turista di Verona va coinvolto quando è ancora a casa in qualsiasi parte del Mondo, non quando arriva al punto informazioni. Quando sento parlare di quante mappe lo Iat ha distribuito capisco che siamo lontani dal capire come ormai è cambiato il panorama.

Tutto deve rientrare in una piattaforma on-line che promuova Verona nel Mondo e gestisca l’accoglienza turistica individuando i gusti di ogni viaggiatore. Una sezione per tutte le offerte culturali ed esperienziali di Verona e Provincia. Una sezione dedicata agli hotel e locazione diffusa, che ci svincoli dei player internazionali. Un e-commerce con un carrello unico che possa commercializzare tutte le nostre eccellenze locali.

Destinazione Verona l’abbiamo chiamata.  E abbiamo individuato e proposto al Comune a giugno 2015 la sede dell’ex-macello, oggi a rischio abbandono, come luogo della cittadella del turista, dove accoglierlo e offrire tutti i servizi di acquisto, prenotazioni e informazioni. Un progetto che, visto il grande afflusso dal parcheggio gasometro, sarebbe economicamente immediatamente in utile.

A luglio avremo a Verona il Sindaco e l’Assessore al Turismo di Firenze. Verranno a presentare Destination Florence. Qui non si tratta di fare il solito sito. E’ un’altra cosa, è lo strumento della città di Verona.

Posted in: Uncategorized